Page Analysis

Sponsors:

suoeleviar.blogspot.com

Suono, elettronica e vita artificiale
No description found
http://suoeleviar.blogspot.com/
685 ratings.1142 user reviews.

Web page information

  1. Title
    Suono, elettronica e vita artificiale
  2. Keywords hit in search results
    è artificiale basilari comporre concetti confronteremo elettronica già linguaggio musica nodal ragazzi sappiamo suono
  3. Search Engine Recommended Keywords
    Craigslist.com, Grooveshark.com, Google.com, Nick.com, Facebook.com Home, NFL.com, Myspace, Stardoll Com,
  4. Captured Content
    skip to main skip to sidebar. mercoledì 22 gennaio 2014.Composizione: il concetto di variazione:qualche tecnica (II). riprendiamo il discorso sulla variazione, partendo prima di tutto dal fatto che, per ora, ci limiteremo a variare i due principali elementi della notazione musicale, ovvero altezze dei suoni e valori di durata, partendo per ora dalle prime, che saranno l'oggetto iniziale del nostro studio in questo ed altri post a seguire. La prima cosa da fare è immaginare quanti modi ci sono di variare le altezze di una melodia, che, per comodità immagineremo rappresentata direttamente in MuseScore, così:. Quella che abbiamo qui è la prima battuta di un brano (la cui forma è nota con il nome di canone) a voi ben nota e che, in Italia, è intitolata Fra' Martino:le altezze qui rappresentate - ignorando, per il momento, i valori di durata - sono: DO (dopo sol di riferimento) - RE - MI - DO. La prima tecnica di variazione che potremmo applicare è prodotta dall'idea di ripetizione: cioè, potremmo ripetere una o più note della nostra misura, ad es. 2 volte la seconda e tre volte la terza, così:. Un'altra tecnica di variazione è quella dell'elisione, ovvero l'atto di eliminare uno o più elementi della struttura senza snaturarne il senso: nel nostro caso, essendo la battuta composta da sole quattro note, ci limiteremo ad eliminarne solo una. Con temi più lunghi, sarà il buon senso ed il risultato musicale a suggerirci quante e quali note cancellare dalla melodia. Ecco qui di seguito due esempi, dove sono state cancellate rispettivamente la prima e la quarta:. Ovviamente, queste due semplici tecniche di variazione possono essere mischiate tra loro: cioè,. potremmo prima ripetere un certo numero di note della melodia e poi eliderne alcune, come nell'esempio che segue:. E' chiaro cosa ho fatto? Allora, guardando l'originale da cui sono partito, e cioè:. dovrebbe essere chiaro che:. 1) Ho inizialmente ripetuto 2 volte la prima, seconda e quarta nota della struttura originale;. 2) ho quindi eliso la seconda e la quinta che ne sono risultate: tutto OK ora? Provate a sviluppare una semplice melodia ed ad applicarvi queste tecniche di variazione e/o creare nuove modifiche sulla falsariga di queste! mercoledì 8 gennaio 2014.Composizione: il concetto di variazione (I). Ciao ragazzi, e Buon 2014! Iniziamo i post di quest'anno con un argomento che è molto importante, ai fini dell'obiettivo di creare da soli una piccola composizione. Finora, abbiamo provato a creare del materiale originale ricorrendo a vari metodi, ad es. grazie all'insieme di istruzioni che abbiamo combinato per generare delle note (altezze dei suoni valori di durata) in base a delle strutture logiche, o ricorrendo al metodo empirico del "mi piace questa nota qui - non mi piace questa nota qui", ovvero affidandoci al nostro senso estetico del bello in ambito musicale. E qualche piccolo risultato si è visto. Ma dovremmo chiederci: ora che abbiamo una sorta di motivo, cosa possiamo farne? Se lo ripetessimo all'infinito, non genereremmo altro che un senso di noia, e soprattutto non daremmo l'impressione che "la cosa" si stia sviluppando per arrivare ad una forma ed un senso compiuti. Insomma, fino ad ora non abbiamo fatto altro che provare a creare "la traccia del tema"! Ora dobbiamo imparare a svilupparla basandoci su vari metodi che apprenderemo poco a poco e che ci consentiranno di realizzare "lo svolgimento del tema". Per ottenere tutto ciò, dobbiamo introdurre il concetto di variazione. Con questo termine si definisce, in senso lato, la "modifica di alcuni elementi di una struttura, tale da introdurvi della varietà senza snaturarne completamente il significato originale". Una trasformazione implica invece l'introduzione di una struttura completamente nuova, che nulla a più che vedere con il materiale originale. Confrontiamo quindi i due concetti:. Possiamo quindi affermare che il nodo centrale di tutta la questione è il concetto di riconoscibilità: infatti, una variazione ...
  5. Captured Keywords
    ok ragazzi,, ad esempio,, bene, buon lavoro, il prof, pubblicato da, giancarlo sica, nessun commento, trasformazione, variazione, terremoto, ciao ragazzi, wwwingv, cari ragazzi,, v=ic4eiufso2g, gatta natalizia, auguri, robotici, però, home page, archivio blog, gennaio, dicembre, novembre, ottobre, giugno, maggio, aprile, marzo, settembre, febbraio, link utili, fms logo, mohandas gandhi, tatanga mani, perché
Suono, elettronica e vita artificiale: ...e vai con Nodal! (1)
Ciao ragazzi! da oggi ci confronteremo con i concetti basilari di Nodal, che, come già sappiamo, è un linguaggio nato per comporre musica, sia pure con ...
http://suoeleviar.blogspot.com/2009/03/e-vai-con-nodal-1.html
No Coupons found for this website.
Server Information
IP Address: 74.125.239.43
Server:GSE
Site Disclaimer:

All trademarks are the property of their respective owners. The facts, figures, reviews, records, stats, and other data presented on this page is for suggestion and information purposes only. AnswerMe.org is not responsible for any incorrect or incomplete information. AnswerMe.org does not take responsibility for any user-reviews of websites inside its resource and reserves the right to keep or remove those. It is highly recommended that you review all the data for accuracy.